GLENN HUGHES @ Bologna – Zona Roveri 17 febbraio 2017 By Ivan Elmi

0
524

 

Siamo tutti qui per vedere Glenn Hughes.

Dopo l annullamento del tour che lo vedeva in italia con i living colour, il bassista inglese ritorna con un doppio appuntamento nello “stivale” targato Barley Arts.

Lo show inizia puntuale alle ore 22, con Flow, canzone tratta  da  Resonate, il suo nuovo album uscito venerdì 4 novembre 2016 per Frontiers Music. Il pubblico risponde subito benissimo e possiamo dire che “ niente lo può fermare” (nothing can stop me), come canta in Muscle and Blood.

Il muro di Orange, i marshall e l hammond , disposti per avere un palco minimalista, si amalgamano dando un suono decisamente perfetto, e sorretto dalla voce bianca preferita di Stevie Wonder.

Medusa viene presentata con una breve introduzione ,per spiegare il suo affetto di quello che prova e ha provato per questo brano scritto con i Trapeze.

Dopo essere stati negli anni 70 ritorniamo a promuovere la nuova uscita discografica a citare artisti come Coverdale, e parlare della propria infanzia.

La serata si conclude con Burn in scaletta,la stavamo aspettando tutti quanti, per rivivere questo evergreen dei Deep Purple interpretato da Mr Hughes.

Concludiamo dicendo che sarebbe bello vedere a questo eventi anche ragazzi ventenni, per fargli capire che quello che ascoltano oggi è figlio di musicisti come MR HUGHES.

Testo e Foto di Ivan Elmi / The Front Row

NO COMMENTS