Questa ‘lezione’ non è pensata per chi sa già suonare la steel guitar, ma per chi non ha mai provato il brivido di mettere una chitarra in orizzontale. La grossa differenza con la tecnica slide del bottle-neck è appunto nella posizione, poco naturale per un chitarrista, e nel grosso limite di non poter agire in alcun modo sulle corde con le dita della sinistra, che si devono limitare a manovrare l’apposito oggetto, ‘tone-bar’ per gli amici, su corde sospese ad altezza inusuale su una tastiera quasi sempre solo… disegnata. Nell’articolo su Chitarre di maggio abbiamo affrontato brevemente i punti nodali come tipo di strumento e di corde, pressione sulle corde, muting e qualche accenno di tecniche più avanzate come le posizioni ‘slanted’ o oblique.


Abbiamo dunque scelto tre esempi molto noti, adatti per affrontare la steel guitar anche per la prima volta, sulla base di tre diverse accordature e con qualche indicazione su tecniche specifiche. Sulla rivista in edicola i relativi esempi in intavolatura e notazione tradizionale.

Il primo è “The Great Gig In The Sky” dei Pink Floyd da The Dark Side Of The Moon, dove David Gilmour – come in altri pezzi della band – sfrutta la steel guitar per creare atmosfere di grande suggestione. Occhio alla parte finale in cui siamo riusciti a coinvolgere il travolgente “Dr. K”  in una indimenticabile performance al pianoforte…

Il secondo è “Sleep Walk”, l’arcinoto strumentale che ha portato Santo&Johnny ai primi posti delle classifiche nel 1959:

 

Il terzo è “When The Levee Breaks” da Led Zeppelin IV, sfruttato spudoratamente ai nostri fini pur senza vere prove che sia stato eseguito in origine con una lap-steel invece che con un normale bottle-neck:

 

I filmati sono collegati all’articolo pubblicato sul numero 327 del mensile Chitarre (maggio 2013).

 

2 COMMENTS

  1. Buon giorno sono appena tornato dagli Usa con una lap steel a tracolla!
    Trattasi di una Asher junior!
    Potresti indicarmi oltre alle tue ottime lezioni un metodo su DVD per continuare nello studio dello strumento
    Grazie e saluti
    Andrea Duchi

    • Di metodi ce ne sono molti e francamente non ne conosco abbastanza nessuno da poter consigliare.
      Come indicazione mi rivolgerei agli ottimi video di Bob Brozman, a prescindere dal fatto che siano concepiti per strumento elettrico o acustico.
      Buon divertimento!

Comments are closed.