Nuova rubrica, Guitar Fitness, per parlare di tecnica e metodi di studio.
Iniziamo direttamente con l’hammer on, tecnica relativamente semplice ma che necessita di un training adeguato per regalare molte soddisfazioni.
Simone Gianlorenzi nel suo filmato propone lo studio a due velocità diverse degli esercizi che trovate su Chitarre di aprile.

Backing track (80 bpm)

 

Backing track (100 bpm)

28 COMMENTS

  1. Bella lezione Simone, grazie. Con le backing track per esercitarsi. Ottimo. Questo nuovo sito mi piace già moltissimo.

  2. Grande Simone, ottima lezione grazie! 😀
    Concordo appieno con tutto quello che dice Gio’!

  3. Grazie ragazzi,
    ce la metteremo tutta per confezionare lezioni sempre più interessanti e utili. Grazie del vostro sostegno!

  4. finalmente un sogno si è avverato! “Chitarre” è tornato libero da Accordo.it!Non se ne poteva più di rubriche infantili di ragazzetti alle prime armi con fior di professionisti e nomi storici della rivista relegati in ruoli di secondo piano

  5. concordo con quanto scritto sopra, su Accordo la notizia della scissione è stata data con sufficienza con le solite scuse della “carta stampata vecchia e bla bla” la verità secondo me è che quando la volpe non riesce ad arrivare all’uva dice che è acerba, basti vedere chi è rimasto a scrivere su Chitarre e chi su Accordo per capire la differenza di qualità

  6. da vecchio abbonato a Chitarre dico che era inevitabile, è giusto che Chitarre sia un mensile affidato nelle mani di professionisti e non di ragazzi che vogliono risultare a tutti i costi simpaticoni.Bentornati

  7. Già che dire…. bentornati!!!!!!!!!
    E come sempre grande simone le tue lezioni sono sempre molto utili!

  8. Ragazzi che dire…i vostri commenti non hanno bisogno di commenti!
    Grazie di cuore da tutta la famiglia di Chitarre….la vostra soddisfazione è il nostro miglior premio!

  9. Grande lezione! Finalmente con la base gli esercizi hanno un senso ritmico e musicale pur nella loro basilarità. Ottimo che il giro sia anche riportato nel testo della rivista: una pecca di questi esercizi è che spesso mancando dell’accompagnamento rimane “sospeso” il senso della frase.
    Ottima realizzazione questa quindi!

  10. Non è mia intenzione creare polemiche ma certe cose non possono essere taciute, mi riferisco al fatto che su Accordo.it non è stata spesa una sola parola di ringraziamento da parte di dirigenza , utenti e colleghi nei confronti di Simone Gianlorenzi(ma il discorso potrebbe essere esteso a Alex Massari) quasi a voler far finta di niente ,Simone, firma storica di Chitarre( tutt’oggi mi capita di rileggere suoi articoli datati 2004 se non addirittura prima, molti dei ragazzini “luminari” che scrivono su Accordo neanche sapevano quante corde avesse una chitarra) ha continuato a scriverci con l’avvento di Accordo nonostante i ruoli secondari affidatigli per dar spazio a determinate persone, un motivo in più per non leggere Accordo….. .Per fortuna il tempo è galantuomo e noto con un certa soddisfazione di non essere stato l’unico a notare tale scempio.Un piacere inoltre ritrovare fra le pagine del mese di Aprile anche il nome di Simone Sello oltre che di Alex Massari.Forza ragazzi siamo con voi!

    • beh…hai ragione da vendere ma penso che la signorilità non si compri al mercato come del resto l’esperienza e il curriculum, anche io rimasi molto stupito del fatto che all’epoca della fusione non fu affidato a Simone un incarico di spicco all’interno della nuova redazione di Chitarre, se Simone suona ed insegna ad alti livelli da almeno dieci anni ci sarà un motivo o no?Evidentemente a qualcuno questo aspetto non va giù e cerca di rivalersi con un silenzio ipocrita…….lasciamo perdere Accordo.it e sosteniamo la nuova redazione di Chitarre che se lo merita

  11. ma lo avete visto il nuovo sito di Accordo?Tanti proclami per il NULLA assoluto, a mio modesto parere questo sito è di gran lunga e oggettivamente superiore e dimostra come web e carta stampata possono convivere tranquillamente se c’è professionalità e si sa scrivere sul serio.

  12. questo mese ho acquistato 5 copie di Chitarre, una l’ho tenuta per me e 4 le ho regalate ad alcuni miei allievi più grandicelli, sono troppo contento, gongolo.

  13. MI dispiace leggere questi commenti negativi su ‘Accordo’ e fatti in maniera totalmente anonima su un articolo che parla di tecnica chitarristica. Posso essere d’accordo su alcune questioni ma non credo sia necessario fare il tifo per una testata piuttosto che un’altra. Ci saranno state ottime ragioni riguardo alla separazione, ma c’è spazio sul web per entrambe. Una sana competizione inoltre gioverà sicuramente alla qualità degli articoli dei due siti. W Chitarre e W Accordo.

    • personalmente non credo di aver messo in discussione la(tanto agognata per quanto mi riguarda) separazione di Chitarre ed Accordo, mi andava di spendere due parole per un professionista stimato nell’ambiente come il Gianlorenzi(l’articolo è suo mi sembra…..), persona umile e solare al contempo che ho avuto l’occasione di conoscere in passato.Mi sono basato su fatti eloquenti , su quello che ho visto e letto in Internet non conoscendo i retroscena che ovviamente possono essere conosciuti da un nucleo ristretto di persone .Non credo neanche sia un delitto gioire per il ritorno a standard qualitativi alti di una rivista che con la gestione di Accordo.it aveva perso smalto dal punto di vista dei contenuti e per il ritorno di alcune firme storiche e la “dipartita” di altre che francamente avevano dimostrato di essere acerbe per scrivere su una rivista così autorevole e prestigiosa

      • io dico che per fortuna la tanto bisfrattata da alcuni carta stampata e li che rimane, ciò che è scritto non può essere eliminato del tutto o modificato come accade nel web.Agli scettici, a coloro che non gioiscono del cambiamento suggerisco di prendere un numero a caso di Chitarre da Gennaio 2010 e confrontarlo con uno precedente o anche con il numero di Aprile 2012.Chi ci mette i soldini ogni mese da 15 anni e passa anni come nel mio caso ed è realmente affezionato a questa rivista e a chi ci scrive non può che tifare per Chitarre.I nodi alla fine vengono sempre al pettine.

        • Non sono mai stato un assiduo lettore di Chitarre, ne ho solo qualche numero, ma la fusione tra le due testate era stata fatta proprio per risollevare le vendite della rivista, che da un po’ di tempo non dava più i risultati di un tempo, almeno è questo quello che ricordo, a prescindere dai contenuti. Se il legame ha funzionato onore e merito agli artefici e bentornata Chitarre agli antichi fasti.

          • Ciao Andrea,
            la fusione fra le due testate è nata da un momento critico del
            giornale coinciso con il rilancio di Accordo, ma anche dall’idea che
            unire due realtà potesse produrre dei risultati per tutti nel rispetto
            delle singolarità. In realtà così non è stato: Chitarre ha
            probabilmente guadagnato qualche lettore da Accordo, ma ha perso
            quelli che non si sono riconosciuti in una linea editoriale troppo
            ‘webbizzata’. Lunga vita alla carta!

    • bah…io su accordo.it ci andavo solo perchè gestivano Chitarre e non credo di essere stato l’unico, non vedo perchè dovrei fare il tifo per un sito internet di cui francamente non mi è mai interessato un fico secco.Nessuna competizione per quanto mi riguarda.Ciao.

  14. nelle prossime settimane andrò a sottoscrivere un nuovo abonamento a Chitarre perché so che non troverò più rubriche su che cappello o stivali bisogna indossare per essere dei veri rockers o incipit di articoli autoreferenziali, sono fiducioso anche nel fatto che l’attenzione nei confronti di chitarristi meno popolari ritornerà quella di una volta.Bellissima lezione.

  15. Innanzitutto i migliori auguri per il nuovo corso di Chitarre a tutta la redazione e complimenti per il numero di Aprile in particolare per la sezione didattica e lo speciale su Van Halen, personalmente la rubrica che non sopportavo molto(oltre a quella del look) del Chitarre periodo Accordo.it era quella della pagina finale in cui un signore di mezza età raccontava delle sue esperienze di vita e sotto forma di diario estemporaneo, l’idea non è malvagia ma avrebbe avuto a mio avviso più senso se fatta che so da un musicista free lance/turnista o un didatta di spessore.Le rubriche trasversali mi sono sempre piaciute, ricordo che in passato sono state dedicate molte pagine alla cinematografia legata a stretto filo con il rock o il mondo della chitarra ma alcune che ho letto di recente mi sembravano più un riempitivo.

    • penso che la gestione Accordo non abbia funzionato proprio perchè non si è capito che per scrivere su una rivista di settore così importante non basta essere personaggi noti su una community telematica, bisogna anche essere in possesso di una certa autorevolezza data dal background artistico e lavorativo di cui si è in possesso nella vita reale.Anche a me lasciava molto perplesso la rubrica “dissonanze” presente nell’ultima pagina di ogni numero e alcune scelte editoriali mi sono sembrate troppo invadenti nei confronti del lettori che magari frequentavano poco la vita di Accordo se non per prendere visione delle demo e delle lezioni di Simone e di Alex .I più sinceri auguri alla nuova redazione, nuovi e vecchi collaboratori.

  16. Secondo me è stata un’ esperienza utile. Aveva sicuramente una data di scadenza che ai più attenti non sarà sfuggita ma è riuscita a far crescere entrambe le parti (è vero che la nuova versione di Accordo lascia molto a desiderare ma ci vuole un po’ di tempo per la taratura). Una sana competizione sarà tutta a vantaggio dei lettori. Invece i complimenti a Simone Gianlorenzi per la sua bravura e professionalità sono fuori discussione!

  17. bellissimo il nuovo sito di chitarre e anche la qualità delle lezioni sembra essere migliorata. l’unica cosa che chiedo è se potra essere possibile scaricare le backing track. anche questa non mi sembra niente male!! continuate a fare lezioni così!! ciao

  18. Ciao Simo,come ho detto anche x la lezione sul tapping,finalmente si parte dalle basi,ovvero x tutti quei chitarristi che sono all’inizio o quasi,grande,ben fatto!!!!
    GRAZIE

  19. Ragazzi grazie!
    ho letto i vostri numerosi commenti e sono orgoglioso di avere il vostro supporto e sostegno! grazie di cuore….veramente. Sono felicissimo che il nostro lavoro stia dando questi meravigliosi risultati….ci stimola a fare sempre di meglio e col massimo impegno. W Chitarre e W i suoi lettori
    Grazie.

  20. Sono ai miei primi passi con la chitarra, tuttavia grazie alle lezioni che trovo sulla rivista e quelle sul sito tutto sembra più facile e divertente. Magari con le backing track per esercitarsi sarebbe ancora più divertente la didattica.
    Grazie per il bellissimo lavoro che offri.
    Aldo

    • Ciao Aldo! grazie per gli apprezzamenti, sono felicissimo che il nostro lavoro ti sia d’aiuto per migliorare. Le backing track ci sono, le trovi in questa stessa pagina nei due player che stanno proprio sotto al video.
      Ogni lezione è corredata di video e backing track sul sito e di spartiti e testi sulla rivista, più completo di così!
      Buon lavoro
      Simone

Comments are closed.